fbpx

UFW: la moda contro la guerra

Mercoledì 2 febbraio la pagina Instagram della settimana della moda ucraina, di cui quest’anno è il 25° anniversario, ha dichiarato che l’evento si sarebbe tenuto lo stesso nonostante le tensioni dovute allo stanziamento delle truppe da parte del presidente russo ai confini tra Russia e Ucraina. A Kiev dal 3 al 6 febbraio, mentre Putin minacciava l’invasione, giovani designer hanno mostrato le loro collezioni promuovendo valori quali ecosostenibilità, inclusività e modernità.

Stiamo parlando di un popolo che nel 2013 si è unito per combattere contro il presidente filorusso Viktor Yanukovych che stava negando loro il diritto di entrare nell’UE e da se, senza l’aiuto di nessuno, ha incominciato una lotta ai propri diritti che è stata possibile solo perché gli ucraini sono uniti e resilienti. Allo stesso modo i vestiti dei diversi designer sulle passerelle sembrano essere così isolati dal resto del mondo (ed è forse proprio questo il loro punto di forza) e così distanti anche gli uni dagli altri e pure tutti caratterizzati dalla stessa dignità e da un filo conduttore che è la resilienza e l’autonomia di chi ha sempre dovuto combattere per ottenere da solo le cose e non ha paura di niente.

YADVIGA NETYKSHA FW22

YADVIGA NETYKSHA FW22

Sarà la giovane età dei brand e l’inesperienza che hanno portato tale creatività e voglia di sperimentare? L’Ucraina ci insegna due cose: la prima è quanto dobbiamo credere nei giovani perché sono il futuro e la seconda è che la moda è portatrice di cambiamento e strumento di lotta, anche contro la guerra.

ZVOLI X PETRYTSKYI
ZVOLI X PETRYTSKYI

POST A COMMENT