fbpx

La ragazza dai mille volti: Laura Tura

“Il mio punto di partenza è un assioma: tutto è in continua mutazione, anche le persone. Io mi muovo da questo concetto e lo porto all’estremo giocando con l’infinità delle forme. 
Questo si traduce in una costante manipolazione e distorsione del mio corpo che diventa cavia della mia stessa curiosità, lo spingo al limite del riconoscibile andando a costruire nuove bellezze e mondi artificiali. 
Distruggendo l’archetipo di corpo cerco di mettere in crisi la stagna concezione che abbiamo di esso, creando figure che si inseriscono sul debole confine tra umano e non-umano.” 

Queste sono le parole di Laura Tura, un’ artista che è stata presente ad Elvea Night. 

Laura, durante gli anni, ha sviluppato abili capacità nell’arte del fotoritocco, plasmando autoritratti e giocando con gli elementi morfologici creando forme innovative e personaggi atipici. 

Durante la serata, le sue creazioni sono state visibili a tutti attraverso delle proiezioni che hanno fatto da sfondo alla serata. 

Ci siamo quindi ritrovati catapultati nel suo mondo, perfettamente in simbiosi con il tema dell’evento. 

Si mescolava in modo sublime con le decorazioni e gli abiti della serata e ne sono rimasta esterrefatta. 

Ho avuto persino la possibilità di parlare con l’artista che a mio parere ha una forte personalità e un emblematico senso dell’arte. 

POST A COMMENT