fbpx

Falcon Magazine

Gli scatti senza tempo di James Perolls

Molti individui non riescono a fidarsi del proprio istinto, perché non credono nelle proprie capacità e hanno paura di cambiare strada, ma a volte il cambiamento è qualcosa di inevitabile, è necessario credere nei propri sogni, poiché non siamo certi di dove possano portarci, e un solo istante potrebbe mutare l’intero corso della nostra vita.
Ne è una dimostrazione il fotografo James Perolls, nato a Brighton, in Inghilterra.
Il suo avvicinamento alla fotografia di moda è iniziato solo pochi anni fa, e nonostante non abbia avuto una formazione accademica e poca esperienza lavorativa, ha sviluppato il suo incredibile talento e in poco tempo è riuscito ad affermarsi come fotografo.
La carriera fotografica non è sempre stata tra i suoi progetti, infatti ha lavorato per diversi anni presso un’azienda come stratega dei prezzi, dunque per Perolls la fotografia era in secondo piano poiché scattava ritratti alla famiglia e, agli amici solo come hobby.
La vera svolta è avvenuta con la scelta di spostarsi a Berlino, luogo dove sin da subito Perolls aveva percepito aria di cambiamento, infatti nuovi stimoli visivi gli hanno permesso di vincere la sua timidezza, iniziando a creare qualcosa di nuovo, ossia quello che avrebbe sempre voluto fare.
Una caratteristica particolare e poco nota di James, è che soffre di una forma di daltonismo chiamata Deuteranopia grave, che limita la gamma di colori che non riesce a vedere. Infatti non riesce a capire la differenza tra verdi, gialli, arancioni, rossi, blu, viola.
Sembra un paradosso che un fotografo sia daltonico, ma nonostante ciò non si è arreso e ha perseguito il suo obiettivo, creando un suo stile personale, ossia la sua estetica fotografica basata su come vede realmente le cose nella sua mente.

Le sue fotografie comunicano un senso di naturalezza e spontaneità, anche se in realtà c’è un attento studio dietro ad ogni posa e ambientazione, infatti James presta molta attenzione ai dettagli, perché tutto deve essere in armonia valutando anche l’illuminazione e le varie angolazioni, assicurandosi che ogni elemento nell’inquadratura sia presente per un motivo.
Secondo Perolls, è importante capire la personalità dell’altra persona, sia che stia creando un ritratto o la raffigurazione di un personaggio per un editoriale, in modo tale da farla sentire a proprio agio, così da creare un’immagine più autentica e naturale. Infatti il linguaggio del corpo e le espressioni del viso possono stabilire l’intero ‘stato d’animo’ della fotografia. “Come uomo, non sarò mai in grado di sperimentare il legame che le donne hanno tra loro, ma sono sempre stato attratto dalla creazione di storie sui personaggi femminili“, dice James Perolls. “Sin da quando ero bambino, mi sono sempre sentito più vicino alle donne che agli uomini, e questo accade nella maggior parte del mio lavoro.
Perolls, fotografo autodidatta, ha lasciato il segno negli ultimi anni attraverso commissioni di moda per grandi magazine tra cui Vogue Italia, i-D Magazine, Dazed and Confused Korea, British Journal of Photography, Elle UK, New York Magazine, e brand tra cui Gucci, Red Valentino, Urban Outfitters e tanti altri.
Nel 2019, ha pubblicato il primo libro ‘Sunnyside’, una collaborazione con l’illustratrice Tallulah Fontaine e lo stylist Yeon You, intimo amico e collega di Perolls. Gli scatti, sono ambientati durante l’estate alla fine degli anni Ottanta in California, e raccontano la storia immaginaria delle due sorelle Evelyn e Violet Appleby, che devono far fronte alla perdita dei loro genitori, condividendo sentimenti diversi come l’amore, la tensione e il dolore.
Le sorelle si rendono conto che devono mettere da parte le loro differenze per ricostruire la loro relazione.

Perolls crea un contrasto tra le immagini, mostrando attimi di vita quotidiana, dall’atmosfera calda e giocosa, che comunicano spensieratezza, alternati a momenti di tensione, noia e apparente complicità che si contraddistinguono con un’atmosfera più scura e cupa. Questo contrasto è reso tale non solo dalla differenza di luce, e dalle pose ma anche dagli abiti, che da una parte sono colorati e luminosi, mentre dall’altra sono privi di colore e si uniformano all’ambientazione.
Solitamente nelle sue fotografie di moda, scatta in spazi all’aperto anonimi, separati da qualsiasi allusione al tempo o al luogo, ma in questo caso, le fotografie sono legate a un contesto intimo e familiare, e si riferiscono all’ambiente domestico.
Le sue fotografie comunicano un senso di naturalezza, ma anche quotidianità proprio perché sono legate alle emozioni personali, come i ricordi d’infanzia, così come i sentimenti verso la vita.
Perolls ha la capacità di interagire con i suoi soggetti, creando dei ritratti intimi e profondi, che rivelano un senso di purezza e genuinità, dove ogni storia, è costruita nei minimi dettagli, in una perfetta armonia tra il soggetto e l’ambiente, in cui le pose e le espressioni catturano nell’immediato l’attenzione dello spettatore, che a volte si sente osservato poiché il soggetto gli rivolge lo sguardo. Questi elementi, appartenenti alla sua estetica si legano anche alla scelta degli abiti in un mix tra old fashioned e contemporaneo, e conferiscono ancora di più un senso di appartenenza all’interno della storia, sia da parte dei soggetti rappresentati che dallo spettatore.
Ogni scatto, è caratterizzato da un’atmosfera calda e velata, dove non riusciamo a capire la reale collocazione in termini di tempo e spazio, infatti ognuno di questi sembra appartenere a un tempo lontano ma allo stesso tempo vicino, come se stessimo vivendo tra passato e presente, dove ogni momento è immenso e senza tempo.

Il tempo non esiste, è solo una dimensione dell’anima. Il passato non esiste in quanto non è più, il futuro non esiste in quanto deve ancora essere, e il presente è solo un istante inesistente di separazione tra passato e futuro.

Sant’Agostino

I graduated in Fashion Design, Styling and Communication at NABA, Milan. Since I was a child I loved to draw and customize the clothes of my dolls. In fact, through the study of the history of art and fashion, and of artistic subjects, such as drawing and design, I have developed my interest both in art and fashion. I am a creative, precise and determined person, I love to test myself, experiment new things and face new challenges.

POST A COMMENT