fbpx

Che fine ha fatto la Body Positivity?

Jonathan Anderson ha mostrato nelle collezioni mfw2022 del brand JW Anderson, di cui è proprietario, e di Loewe, di cui è invece direttore creativo dal 2013, che un uomo può essere sexy e può farlo anche con un crop top paiettato e una tuta attillata.
La moda genderless è un processo che non è iniziato con Jonathan Anderson, ma le due sfilate hanno certamente mostrato quanto sono stati superati i concetti di “maschile e femminile”.

JW ANDERSON MAW22
JW ANDERSON MAW22

Questa rivoluzione l’aveva incominciata già Coco Chanel nei primi del 900 indossando vestiti maschili e presentando collezioni con abiti fatti di tessuti tipicamente maschili, come ad esempio il tweed (non a caso, il prodotto iconico del brand è un tailleur di tweed con i bordi a contrasto).

Ma perché la fluidità e il non binarismo si sono fatti così bene strada nel mondo della moda e dei grandi marchi mentre la body positivity non riesce a trovare lo stesso spazio? Cosa blocca questo processo di modernizzazione e rende così difficile il passaggio sulle passerelle di modelle curvy e plus size?
Le sfilate di Miu Miu e Dolce & Gabbana per l’estate 2022 e la collaborazione di Blue Marine con il marchio Hello Kitty hanno fatto pensare che c’è una questione più importante attualmente della body positivity: la spensieratezza.

Miu Miu SS22
Dolce&Gabbana SS22

Il ritorno degli anni 2000, dei corpi magri e dei pantaloni a vita bassa, fanno pensare che dopo due anni di pandemia la maggior parte dei grandi marchi vuole portare avanti quale unico spunto di riflessione concetti quali spensieratezza, ottimismo e divertimento.

Ma basterà Hello Kitty a distrarre dal bisogno di modernità e a scardinare stereotipi che forse, a questo punto, sono ancora più profondi di quelli di genere? E se invece dietro la spensieratezza fosse solo nascosta l’incapacità delle grandi aziende di leggere un mondo in continua evoluzione e un rifiuto verso l’acquisizione di un canone estetico più moderno? Dove sono finiti i tempi in cui Yves Saint Laurent, osservando i ragazzi rivoluzionari della riva gauche di Parigi, disegnò la collezione Beat?

Forse la rivoluzione oggi la faranno brand indipendenti come Marco Rambaldi e Avavav che sono in grado di raccontare la realtà abbracciando con onestà un mondo in tumulto che si evolve velocemente, senza paraocchi.

COMMENTS
  • Giuliana Giovene

    REPLY

    Bellissimo articolo! Spunti di riflessione molto interessanti 👏🏻

    6 February 2022
  • Giuliana Giovene

    REPLY

    Bellissimo articolo! Spunti di riflessione molto interessanti👏🏻

    6 February 2022
  • Beatrice Varriale

    REPLY

    È necessario nel 2022 scardinare gli steriotipi fisici toxic, per promuovere una concezione più sana del nostro corpo, proprio come fa questo articolo! Interessanti anche i riferimenti storici, che mettono alla luce quanto l’evoluzione della moda abbia influito sul movimento sociale di body positivity.

    6 February 2022
  • Federica Del Barone

    REPLY

    Analisi molto interessante non soltanto di un atteggiamento da parte dei grandi marchi ma ancor di più dei consumatori , che hanno velocemente accantonato la body positivity nel nome della spensieratezza e dei più datati stereotipi

    6 February 2022
  • Alessandra Calvo

    REPLY

    Analisi lucida e convincente di un momento di transizione che attraversa la moda degli ultimi dieci anni. La strada da fare è ancora lunga, perché queste trasformazioni nascono da profondi cambiamenti dei costumi, della mentalità e dell’educazione. Inoltre la pandemia in questi ultimi due anni ha fortemente condizionato il processo evolutivo. 👍🏻 👏🏻👏🏻👏🏻

    6 February 2022
  • Giuseppe Triggiano

    REPLY

    Tutto vero, ma mai come quest’anno un evento nazional popolare come Sanremo ha proposto modelli senza diversità di genere…é stato bello vedere jl vincitore blanco indossare solo camicie trasparenti e ricamate e nessuno ha gridato allo scandalo…anche questi sono modelli di evoluzione e spero che si continui su questa strada….

    6 February 2022
  • Sergio Colantuoni

    REPLY

    Le cose stanno cambiando, anzi sono cambiate … non ci resta che percorrere la nuova strada … al di la di tutto voi giovani sapete bene cosa fare…. un testo che chi fa riflettere: grazie !

    7 February 2022
  • Chiara

    REPLY

    è un piacere informarmi di più su come si è evoluta, e si sta evolvendo, la moda in funzione di una visione del corpo più naturale e serena. mi fa provare più fiducia per il futuro. grazie!!

    12 February 2022
POST A COMMENT